Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Novità

Contributi a fondo perduto per aziende che occupano fino a 11 addetti

Le domande vanno presentate dall’11 giugno al 31 luglio 2020 mediante piattaforma on line

Contributi a fondo perduto per aziende che occupano fino a 11 addetti

La legge provinciale n. 3/2020 prevede la concessione di contributi a fondo perduto a favore degli operatori economici che occupano non più di 11 addetti e che hanno subito gravi danni valutati con riferimento al volume di attività.

Per “operatori economici” che possono beneficiare dell’agevolazione si intendono i soggetti che, in una qualsiasi delle forme giuridiche consentite dalla legge, esercitano, al momento di presentazione della domanda, attività di impresa commerciale.

REQUISITI DI AMMISSIONE AL CONTRIBUTO - Per poter beneficiare del contributo a fondo perduto gli operatori economici richiedenti devono avere un numero di addetti inferiore o uguale a 11 nonché possedere alcuni requisiti.  => LEGGI DI PIU'

ADDETTI - Per “addetti” nella delibera si intende il numero medio di unità lavorative presenti in azienda nel periodo 1° marzo 2019 - 29 febbraio 2020 compresi, a prescindere dalla durata contrattuale, i dipendenti a tempo determinato o indeterminato, i titolari, i soci della società che svolgono attività lavorativa a favore delle stesse, ivi compresi i collaboratori familiari iscritti nella relativa gestione previdenziale. Sono esclusi gli apprendisti e gli studenti con contratto di formazione.

MISURA CONTRIBUTIVA - Per gli operatori economici la misura del contributo è pari a: - euro 3.000,00 fino a 3 addetti; - euro 4.000,00 fino a 6 addetti; - euro 5.000,00 fino a 11 addetti. Gli operatori economici neo costituiti ricevono un importo fisso di euro 3.000,00.

MAGGIORAZIONI - Per gli operatori economici che nei mesi di marzo, aprile e maggio 2020 hanno sostenuto canoni di locazione o di affitto d’azienda per gli immobili nei quali viene esercitata l’attività è prevista una maggiorazione alla misura di contributo pari al 40% dell’ammontare totale dei canoni sostenuti per tali mesi e comunque non superiore a euro 1.200,00.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA - Ciascun operatore economico può presentare una sola domanda di agevolazione a partire dal giorno 11 giugno e fino al 31 luglio 2020 mediante piattaforma informatica che sarà messa a disposizione dalla Provincia a questo LINK.

PROCEDIMENTO DI CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO - I contributi sono concessi ed erogati dall’ Agenzia provinciale per l’incentivazione delle attività economiche (APIAE) entro il 31 dicembre 2020 secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda e a seguito dello svolgimento degli adempimenti necessari.

OBBLIGHI - L’operatore economico richiedente il contributo - in sede di domanda - dichiara il rispetto dei seguenti obblighi fino al 31 dicembre 2021: a) salvaguardia del numero di addetti (nel caso in cui vi sia una riduzione del volume di attività dell’anno 2021 rispetto al volume di attività dell’anno 2019, il vincolo sul numero di addetti da salvaguardare sarà proporzionalmente ridotto); b) regolare pagamento delle retribuzioni dei dipendenti; c) regolare pagamento dei debiti nei confronti dei propri fornitori, il quale sarà attestato da parte di un iscritto all’Albo dei commercialisti limitatamente alla quota di contributo ricevuto; d) accettazione di ogni controllo, conservazione e messa a disposizione della documentazione attestante il possesso dei requisiti per l'accesso ai contributi e il rispetto degli obblighi derivanti dai presenti criteri fino al 31 dicembre 2025.

DISCIPLINA DEL CUMULO - Le presenti agevolazioni sono cumulabili con altri incentivi, anche finanziari, emanati a livello nazionale e provinciale per fronteggiare l’attuale crisi economico - finanziaria causata dall’emergenza sanitaria.

ALTRI PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI DI INTERESSE PER LA CATEGORIA CHE SONO ANCORA IN ATTESA DELLE MISURE ATTUATIVE ED APPLICATIVE

Oltre a quanto riportato sopra in merito alle agevolazioni provinciali a fondo perduto, ci sono altri provvedimenti legislativi sia a livello statale (Decreto rilancio) che provinciale (Legge con misure di sostegno per le famiglie, i lavoratori e i settori economici), che interessano la nostra categoria. Tuttavia, ad oggi, le norme non sono ancora completamente operative perché mancano i decreti o le delibere attuative, cioè gli atti che effettivamente spiegano e chiariscono come le disposizioni vanno applicate in concreto. Nello specifico, facciamo riferimento alle seguenti norme contenute nel Decreto rilancio dello Stato: bonus vacanze (non sappiamo ancora come funziona e come si deve comportare l’albergatore) credito di imposta per sanificazione anticovid e acquisto dei dispositivi di protezione individuale (occorre attendere un decreto ministeriale che disciplini i criteri e le modalità di applicazione e di fruizione del credito d'imposta) contributo a fondo perduto dello Stato (l’Agenzia delle Entrate deve definire le modalità di presentazione della domanda, tramite un provvedimento di prossima pubblicazione) Ecobonus 110% per interventi di efficientamento energetico (per ora la norma non vale per gli alberghi, ma Federalberghi ha proposto che venga estesa includendo anche le imprese turistico ricettive) Per quanto riguarda la norma provinciale, facciamo riferimento a: nuovi contributi per investimenti fissi su mobili ed immobili, veicoli elettrici e colonnine di ricarica, spese di consulenza (manca la delibera attuativa con i nuovi criteri applicativi); compensazione fiscale per interventi anticovid (manca la delibera attuativa); contributo a fondo perduto ai gestori di B&B (manca la deliberazione per definire le condizioni di accesso al contributo, la misura dell'intervento e ogni altra disposizione necessaria all'attuazione della norma). Facciamo riserva di tornare ad informarvi non appena saranno emanati i suddetti provvedimenti attuativi.

Condividi la pagina