Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Novità

Conversione del decreto-legge 30 dicembre 2016 n. 244 “Proroga e definizione di termini”

Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, sono entrate in vigore le modifiche apportate dal Parlamento al decreto legge “Milleproroghe”.

Conversione del decreto-legge 30 dicembre 2016 n. 244 “Proroga e definizione di termini”

Di seguito, alcune disposizioni di maggiore interesse.
 
Prevenzione incendi
Articolo 5, comma 11 sexies - È prorogato al 31 dicembre 2017 il termine per il completamento dei lavori di prevenzione incendi per le strutture ricettive turistico-alberghiere con oltre 25 posti letto, esistenti alla data di entrata in vigore del decreto 9 aprile 1994, che siano in possesso, alla data del 1° marzo 2014, dei requisiti per l'ammissione al piano straordinario biennale di adeguamento antincendio, di cui al decreto 16 marzo 2012 (cfr. nostre circolari n. 4, n. 22, n. 38 e n. 44 del 2017).
Articolo 5, comma 11 ter – È prorogato al 7 ottobre 2017 il termine per presentare la SCIA per le attività assoggettate ai controlli di prevenzione incendi dal dpr 151/2011 (ad esempio le residenze turistico alberghiere).
Articolo 5, comma 11 quinquies – È prorogato al 31 dicembre 2017 il termine per effettuare i primi adempimenti previsti dalla specifica regola tecnica per i rifugi alpini.
 
Sistri
Articolo 12, comma 1 – È prorogato fino alla data del subentro nella gestione del servizio da parte del nuovo concessionario, e comunque non oltre il 31 dicembre 2017, il periodo in cui continuano ad applicarsi gli adempimenti antecedenti alla disciplina relativa al Sistri. Per tutto lo stesso periodo non si applicano le sanzioni relative al Sistri diverse da quelle concernenti l'omissione dell'iscrizione al sistema e del pagamento del contributo per l'iscrizione stessa. Tali sanzioni sono ridotte del 50%.
 
Spesometro
Articolo 14 ter - Per il primo anno di applicazione, la trasmissione telematica all’Agenzia delle entrate dei dati di tutte le fatture emesse e ricevute (c.d. nuovo spesometro) è effettuata su base semestrale, anziché trimestrale.
Il temine per la comunicazione analitica dei dati delle fatture relative al primo semestre è prorogato dal 25 luglio al 16 settembre 2017. Per la comunicazione relativa al secondo semestre si prevede il termine del mese di febbraio 2018.
Per quanto riguarda l’adempimento relativo alla comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche IVA, rimangono ferme le scadenze trimestrali.
 
Contributo di sbarco
Articolo 13, comma 4 bis – In deroga alla norma che blocca, anche per il 2017, l’aumento o l’introduzione di nuove imposte locali, viene consentito ai comuni delle isole minori di introdurre il contributo di sbarco, o di aumentarne l’importo fino comunque al massimo consentito di euro 2,50 (sempre in alternativa all’imposta di soggiorno).
 
Sisma
Articolo 14, comma 2 – Viene prorogata di ulteriori 6 mesi la sospensione delle fatture relative alle utenze per i soggetti danneggiati che hanno dichiarato l'inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, localizzate nei comuni colpiti dagli eventi sismici del 24 agosto e del 26 e 30 ottobre 2016.
Articolo 14, comma 3 – Viene prorogata fino al 31 dicembre 2017 l’esclusione dalla base imponibile IRPEF dei sussidi occasionali, delle erogazioni liberali o dei benefici di qualsiasi genere, concessi sia da parte dei datori di lavoro privati a favore dei lavoratori residenti nei comuni colpiti dagli eventi sismici del 2016, sia da parte dei datori di lavoro privati operanti nei predetti territori a favore dei propri lavoratori, anche non residenti nei predetti comuni.
Articolo 14, comma 6 – Viene prorogato al 31 dicembre 2017 il termine di sospensione dei pagamenti nei comuni colpiti dal sisma del 24 agosto e del 26 e 30 ottobre 2016 delle rate dei mutui e finanziamenti di qualsiasi genere e dei canoni di locazione finanziaria aventi ad oggetto edifici distrutti o divenuti inagibili o beni immobili o mobili strumentali ad attività imprenditoriali, commerciali, artigianali, agricole o professionali. La proroga è applicabile alle attività economiche e produttive, mentre per i soggetti privati è limitata ai mutui relativi alla prima casa di abitazione, inagibile o distrutta.
Articolo 14, comma 6 bis - I fabbricati ubicati nelle zone colpite dal sisma del 20 e del 29 maggio 2012 (terremoti che colpirono l'Emilia-Romagna e altre regioni), distrutti od oggetto di ordinanze sindacali di sgombero in quanto inagibili totalmente o parzialmente sono esenti da IMU, fino alla loro definitiva ricostruzione e agibilità o comunque fino al 31 dicembre 2017.
Articolo 14, comma 6 quater – Viene prorogato al 31 dicembre 2017 il termine fino al quale possono essere sospese le rate dei mutui contratti da parte dei soggetti residenti in uno dei comuni colpiti dal sisma del 2012 e dagli eventi atmosferici del 2014.
Articolo 14, comma 12 quinquies - Vengono estese ai periodi di imposta dal 2015 al 2019 le agevolazioni fiscali previste per le zone franche urbane Emilia.
 

Condividi la pagina