Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Novità

DPCM 18 ottobre 2020: indicazioni applicative

Come noto il 18 ottobre u.s. il Presidente del Consiglio dei Ministri ha adottato un nuovo decreto che integra e modifica le previsioni del precedente DPCM del 13 ottobre con la quale sono state introdotte ulteriori misure restrittive finalizzate a un più efficace contrasto alla diffusione del virus e valevoli fino al 13 novembre prossimo.

DPCM 18 ottobre 2020: indicazioni applicative

Nella giornata di ieri è stata inoltre diffusa una circolare a firma del Gabinetto del Ministro dell’Interno con la quale si forniscono alcune indicazioni applicative riguardanti i principali profili innovativi del provvedimento.

Per quanto di interesse del nostro settore si segnala quanto segue:

  • L’attività degli esercizi pubblici è consentita dalle ore 5.00 alle ore 24.00 con consumazione al tavolo e dalle ore 5.00 alle ore 18.00 (e non più alle ore 21.00) in assenza di consumo al tavolo.
  • Viene fissato in 6 il numero massimo di persone per tavolo.
  • Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché, fino alle ore 24.00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.
  • Viene introdotto l’obbligo per gli esercenti di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente all’interno del locale stesso: il numero va calcolato sulla base delle linee guida e dei protocolli provinciali vigenti. Sono sospese tutte le attività convegnistiche e congressuali.
  • Le riunioni private sono ancora consentite in presenza sebbene il loro svolgimento da remoto sia fortemente raccomandato. La distinzione tra riunioni private ed attività convegnistiche e congressuali è da rinvenire in alcuni elementi estrinseci quale il possibile carattere ufficiale, l’eventuale apertura a stampa e pubblico, il fatto stesso che possano tenersi in locali pubblici o aperti al pubblico, elementi questi assenti, in tutto o in parte, nelle riunioni private.
  • Regioni e Province autonome possono introdurre misure più restrittive rispetto a quelle stabilite a livello nazionale dai DPCM.

Si allega alla presente un cartello stampabile dove è possibile riportare il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente all’interno del locale.

Gli uffici restano a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti: 0461923666 (int. 2).



Documento pdf Cartello Capienza

Condividi la pagina