Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Novità

DPCM 7 settembre e Ordinanza PAT 8 settembre – Proroga delle misure di contenimento

Gazzetta Ufficiale n. 222 del 7 settembre 2020 e Ordinanza n. 45 dell'8 settembre 2020

DPCM 7 settembre e Ordinanza PAT 8 settembre – Proroga delle misure di contenimento

Il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 7 settembre 2020 ha prorogato sino al 7 ottobre 2020, con alcune modifiche, le disposizioni contenute nel precedente decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 7 agosto 2020 e nelle ordinanze del Ministro della salute 12 agosto 2020 e 16 agosto 2020. Sono introdotte alcune deroghe agli obblighi di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario per chi entra in Italia per ragioni non differibili.

Viene invece confermata la disposizione che sospende, all’aperto o al chiuso, le attività del ballo che abbiano luogo in discoteche, sale da ballo e locali assimilati destinati all’intrattenimento o che si svolgono in lidi, stabilimenti balneari, spiagge attrezzate, spiagge libere, spazi comuni delle strutture ricettive o in altri luoghi aperti al pubblico.

È stata, inoltre, rinnovata fino al 7 ottobre la validità delle misure anti-contagio già previste in Trentino dal presidente della Provincia. Lo prevede un'ordinanza firmata dal capo dell'esecutivo, dopo l'adozione del nuovo decreto del presidente del Consiglio dei ministri. Tra le altre cose, il dispositivo si allinea alla nuova misura nazionale relativa alle persone che arrivano in Italia da Croazia, Grecia, Malta e Spagna: da oggi non sarà più necessario sottoporsi al tampone per quanti transitano nel nostro Paese oppure vi permangono per meno di 120 ore.

In Trentino rimane dunque l'obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico e in tutte le occasioni in cui non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro anche all'aperto ed in particolare nella fascia oraria compresa tra le 18 e le 6. Rimangono in vigore anche documenti, protocolli e linee guida di carattere organizzativo e sanitario per l’esercizio delle attività economiche, produttive, ricreative e sociali.

Condividi la pagina