Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Novità

Giovanni Battaiola nominato presidente dell'ASAT

Il Consiglio Direttivo provinciale dell’Asat, riunitosi nella giornata di ieri 1 febbraio 2018, ha nominato Giovanni Battaiola presidente dell’Asat.

Giovanni Battaiola nominato presidente dell'ASAT

Il Consiglio Direttivo provinciale dell’Asat ha nominato ieri Giovanni Battaiola presidente dell’Asat.

Nel suo discorso immediatamente successivo all’elezione Giovanni Battaiola ringraziando i componenti del Consiglio Direttivo per l’ampio consenso ottenuto ha affermato:

“Sono molto orgoglioso di questa nomina a Presidente dell’Asat alla quale hanno contribuito non solo la proposta iniziale della Giunta esecutiva ma anche gli inviti e gli attestati di stima di molti colleghi albergatori.

Corona un impegno associativo di lunga data, a partire dall’esperienza iniziale nel Gruppo dei Giovani albergatori, e successivamente nella Giunta Esecutiva e in altri incarichi associativi e in rappresentanza dell’Asat.

La decisione di accogliere la proposta di ricoprire la carica di presidente dell’Asat ha comportato una scelta molto meditata perché consapevole dell’impegno richiesto, delle responsabilità verso gli associati, verso la Giunta Esecutiva e il Consiglio direttivo.

Sento inoltre che questa responsabilità è anche verso la comunità trentina per l’importanza che il settore turistico riveste per l’economia e la società del nostro territorio.

In questo momento sento anche come un dovere ricordare Luca Libardi come presidente e amico col quale in questi anni ho lavorato intensamente, che ci mancherà per la forza delle sue idee.

Ho accettato anche per dare continuità all’azione sindacale e operativa impostata dagli organi direttivi dell’Associazione da qui a fine mandato, per portare a termine progettualità importanti e consolidare i molti risultati raggiunti.

Si dovrà lavorare per rafforzare il rapporto con gli associati, con le sezioni territoriali, a partire dalle loro esigenze imprenditoriali per dare forza all’analisi e alle proposte dell’Associazione.

Il tema della politica turistica è fondamentale. Il rapporto con Trentino Marketing, il lavoro nel “Tavolo azzurro” e nel board commerciale ci permette di mettere a frutto esperienze, competenze e problemi per arrivare ad iniziative di cui si avvantaggiano le aziende e il turismo del Trentino nel suo complesso.

Certamente è importante l’azione sindacale locale e nazionale per la riduzione del peso fiscale e per la semplificazione degli adempimenti a carico delle aziende, ma se è giusto insistere su questi serissimi problemi, dobbiamo essere consci che è difficile siano risolti nel breve periodo.

Per questo bisogna trovare soprattutto altre strade. Dobbiamo intercettare come Trentino quei flussi che sono in continua crescita sul mercato mondiale e attraverso questi migliorare le performance del turismo Trentino e della redditività delle nostre aziende.

Lo possiamo fare attraverso una politica turistica forte, risorse adeguate e migliorando lo standard di offerta dei servizi e delle strutture, di adeguamenti tecnologici e organizzativi. Questi sono obiettivi di una progettualità e di iniziative necessarie.

C’è il tema delle regole. Tutti i soggetti che operano sul mercato turistico devono poter operare esercitando la propria capacità competitiva attraverso regole comportamentali certe e uguali per tutti. Non ci possono essere zone franche.

C’è la questione del lavoro. Il nostro lavoro di imprenditori, la quotidianità nelle nostre aziende , le scelte che riguardano il nostro futuro. Va tutelato e promosso per il suo valore sociale ed economico, che non sempre ottiene il necessario riconoscimento.

Il lavoro dei nostri collaboratori è altrettanto importante. Ritengo che una riflessione vada fatta al nostro interno, con le parti sociali, con le istituzioni formative. Sono convinto che un contratto territoriale possa permettere di valorizzare il lavoro dei nostri collaboratori, partendo nello stesso tempo dalle esigenze e dai vincoli del settore turistico.

Infine questo è un anno impegnativo poichè vede susseguirsi due appuntamenti elettorali, quello delle elezioni politiche del 4 marzo e in particolare del prossimo autunno con l’elezione del nuovo Consiglio provinciale e di una nuova Giunta. Come Associazione dobbiamo essere presenti con le nostre proposte e richieste.

Il mio impegno sarà massimo, ma chiedo la collaborazione di tutti i miei colleghi.”

 

Condividi la pagina