Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Novità

Locazioni brevi – obbligo di effettuare la notifica alloggiati di cui all’articolo 109 TULPS

Articolo 19 bis del decreto-legge n. 113 del 2018, convertito in legge n. 132 del 1 dicembre 2018 (GU n. 281 del 3 dicembre 2018)

Locazioni brevi – obbligo di effettuare la notifica alloggiati di cui all’articolo 109 TULPS

È stato definitivamente approvato il decreto-legge n. 113 del 2018 (cosiddetto decreto “sicurezza”).

L’articolo 19 bis del provvedimento, accogliendo le istanze di Federalberghi, chiarisce definitivamente ed inequivocabilmente l'applicabilità dell'articolo 109 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (obbligo di comunicare le generalità degli alloggiati all’autorità di pubblica sicurezza) anche alle locazioni brevi.

Gli host che non effettueranno la comunicazione saranno sanzionati con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a euro 206 (articolo 17 Tulps).

Il testo della norma è il seguente: Art 19-bis. - (Interpretazione autentica dell'articolo 109 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773).

1. L'articolo 109 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, si interpreta nel senso che gli obblighi in esso previsti si applicano anche con riguardo ai locatori o sublocatori che locano immobili o parti di essi con contratti di durata inferiore a trenta giorni.

Il medesimo principio era già stato affermato dal Ministero dell'Interno in risposta ad un quesito di Federalberghi, ma permanevano alcune problematiche, in quanto l'articolo 109 del TULPS opera un generico riferimento ai “gestori di strutture di accoglienza non convenzionali”.

Il provvedimento entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

 

Condividi la pagina