Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Novità

Modalità di utilizzo del Green Pass e nuovi criteri per la “colorazione” delle Regioni

E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge 23 luglio 2021, n.105 con il quale viene prorogato fino al 31 dicembre 2021 lo stato di emergenza nazionale e vengono definite le modalità di utilizzo del Green Pass e i nuovi criteri per la “colorazione” delle Regioni.

Modalità di utilizzo del Green Pass e nuovi criteri per la “colorazione” delle Regioni

ASAT si è già fatta carico delle criticità applicative presso Federalberghi e presso le autorità provinciali affinché esercitino la necessaria pressione sul governo nazionale perchè vengano adottati provvedimenti utili a superare questa situazione di confusione.

Forniamo di seguito i principali dettagli del provvedimento in modo tale che possiate darne pronta comunicazione agli ospiti in arrivo presso le vostre strutture a partire dal 6 agosto.

A decorrere dal 6 agosto, anche in zona bianca, il green pass sarà richiesto per poter accedere alle seguenti attività o ambiti:

  • Servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso (non sarà invece necessario per il servizio al bancone);
  • Spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportive;
  • Musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;
  • Piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;
  • Sagre e fiere, convegni e congressi;
  • Centri termali, parchi tematici e di divertimento;
  • Centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione;
  • Attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;
  • Concorsi pubblici.

Le precedenti disposizioni non si applicano ai soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale (minori di 12 anni) e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute.

Sarà pertanto possibile accedere alle suddette attività solo se si è in possesso di:

  • certificazioni verdi Covid-19 (Green Pass), comprovanti l’inoculamento almeno della prima dose vaccinale Sars-CoV-2 o la guarigione dall'infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi);
  • effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore).

Il Decreto ha inoltre fissato misure specifiche per lo svolgimento degli spettacoli culturali e per gli eventi sportivi per quanto concerne l'accesso (con green pass), l'assegnazione dei posti, il distanziamento e la capienza (25% o 50% a seconda dei casi).

App VerificaC19  - Il processo di verifica delle Certificazioni verdi COVID-19 viene effettuato utilizzando l'app di verifica nazionale VerificaC19, installata su un dispositivo mobile. Tale applicazione (gratuita) consente di verificare l’autenticità e la validità delle certificazioni senza la necessità di avere una connessione internet (offline) e senza memorizzare informazioni personali sul dispositivo del verificatore.
>> Leggi di più

Sconto sui tamponi - Fino al 30 settembre 2021 la somministrazione di test antigenici rapidi verrà assicurata a prezzi contenuti sulla base di un protocollo d’intesa con le farmacie e con le altre strutture sanitarie.

Sanzioni - I titolari o i gestori dei servizi e delle attività autorizzati previa esibizione del green pass sono tenuti a verificare che l’accesso a questi servizi e attività avvenga nel rispetto delle prescrizioni. In caso di violazione può essere elevata una sanzione pecuniaria da 400 a 1000 euro sia a carico dell’esercente sia dell’utente. Qualora la violazione fosse ripetuta per tre volte in tre giorni diversi, l’esercizio potrebbe essere chiuso da 1 a 10 giorni.

Nuovi criteri per la colorazione delle Regioni 
Vengono modificati i parametri relativi ai colori delle Regioni. Il parametro dell’incidenza dei contagi resta in vigore ma non sarà più il criterio guida per la scelta delle colorazioni (banca, gialla, arancione, rossa). Dal primo agosto i due parametri principali saranno il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da Covid-19 e il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da Covid-19. Le Regioni restano in zona bianca se:

  • a. l'incidenza settimanale dei contagi è inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti per tre settimane consecutive;
  • b. qualora si verifichi un’incidenza superiore a 50 casi per 100.000 abitanti, la Regione resta in zona bianca se si verifica una delle due condizioni successive:
    • il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da Covid-19 è uguale o inferiore al 15 per cento;
    • oppure il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da Covid-19 è uguale o inferiore al 10 per cento;

 

Condividi la pagina