Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Novità

Partiti anche quest’anno i tirocini estivi, per ospitare gli studenti in azienda

Le norme sulla buona scuola hanno ormai aperto le porte delle imprese alla presenza dei giovani studenti di tutte le scuole superiori, che abbiano intenzione di avvicinarsi al mondo del lavoro.

Partiti anche quest’anno i tirocini estivi, per ospitare gli studenti in azienda

Al di là dei periodi obbligatori in corso di anno scolastico, quello dopo la fine della scuola è un buon momento per farlo, attraverso l’istituto dei tirocini estivi non curricolari.

Per questo anche Asat ha dato la sua disponibilità per agevolare l’incontro tra le scuole ed il mondo del lavoro, in particolare sottoscrivendo con Enaip Trentino una convenzione quadro che dà la possibilità ai giovani studenti delle alberghiere di effettuare tirocini estivi nelle nostre aziende turistiche.

“E’ un’esperienza che avvicina i ragazzi al mondo del lavoro - sottolinea il presidente dell’Asat Luca Libardi - ed offre opportunità di reciproca conoscenza, come del resto già accade in molti altri Stati europei”.

Alle scuole alberghiere spetta redigere un progetto formativo per ogni ragazzo, che dovrà riportare contenuti, durata e modalità di realizzazione dei tirocini.

Inoltre, la scuola deve individuare un tutore ed un referente responsabile del progetto. La convenzione coinvolge gli associati dell’Asat e gli allievi del settore turistico alberghiero dei corsi presso gli istituti di Ossana, Riva del Garda, Primiero, Tesero e Tione di Trento.

E’ tuttavia possibile rivolgersi anche alle scuole di Levico Terme e Rovereto. In base alla deliberazione provinciale che disciplina la materia, i tirocini estivi non possono avere una durata superiore a tre mesi.

L'importo dell'indennità di partecipazione al tirocinio (che non è un rapporto di lavoro vero e proprio, ma solo di un periodo di formazione) non può essere inferiore a 300 euro lordi mensili o 70 euro lordi settimanali e non può superare i 600 euro lordi mensili.

L’albergatore che ospita lo studente provvede ad assicurare il tirocinante contro gli infortuni sul lavoro presso l’Inail, nonché per la responsabilità civile presso compagnie assicurative impegnate nel settore.

Per ogni ulteriore informazione utile, basta contattare i referenti dell’iniziativa presso i nostri uffici in Associazione a Trento: Nicola Minatti (n.minatti@asat.it) ed Andrea Rudari (a.rudari@asat.it).

 

Condividi la pagina