Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Novità

Agenzia delle entrate: trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri (provvedimento n. 236086)

L’Agenzia delle entrate ha definito ulteriori modalità per la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri.

Agenzia delle entrate: trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri (provvedimento n. 236086)

Sono tre i servizi che l’Agenzia delle entrate mette a disposizione, entro il 29 luglio 2019, per l’invio telematico dei corrispettivi da parte degli operatori che, nei primi sei mesi dall’introduzione dell’obbligo, non abbiano la disponibilità di un registratore telematico:

  1. un primo servizio web, all’interno dell’area riservata del portale Fatture e Corrispettivi, consentirà l’upload di un file con i dati dei corrispettivi complessivi di una singola giornata, distinti per aliquota IVA o senza distinzione tra imponibile e imposta, regime di ventilazione, oppure di un file compresso con i file dei dati dei corrispettivi delle singole giornate;
  2. un secondo servizio, disponibile sempre online all’interno del portale Fatture e corrispettivi, consentirà in alternativa la compilazione dei dati dei corrispettivi complessivi giornalieri, sempre distinti per aliquota IVA o con l’indicazione del regime di ventilazione;
  3. una terza soluzione consentirà l’invio dei dati dei corrispettivi giornalieri tramite protocollo https o sftp. 

 

La trasmissione telematica può essere effettuata anche avvalendosi di un intermediario. In tal caso, gli intermediari incaricati della trasmissione rilasciano al contribuente copia della comunicazione trasmessa e della relativa ricevuta, che ne attesta il ricevimento da parte dell’Agenzia delle entrate e costituisce prova dell’avvenuta presentazione.

 

 

Condividi la pagina