Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Novità

Contributi per la patrimonializzazione delle imprese trentine

La Giunta provinciale ha adottato un provvedimento che definisce condizioni e modalità di accesso a due nuove misure per rafforzare la struttura patrimoniale delle imprese trentine, nonché per concorrere all'abbattimento degli interessi dovuti per l'allungamento di operazioni di indebitamento.

Contributi per la patrimonializzazione delle imprese trentine

La Giunta provinciale ha adottato un provvedimento che definisce condizioni e modalità di accesso a contributi straordinari concessi:

  • per la patrimonializzazione delle imprese che ne abbiano necessità per rafforzare la propria struttura, a condizione che vi sia un contestuale aumento di capitale tramite conferimenti dei soci;
  • per abbattere gli interessi dovuti per la rinegoziazione con allungamento o solo l'allungamento di operazioni di mutui.

Le domande potranno essere presentate dalle ore 12.00 del giorno 7 ottobre 2021 ed entro le ore 12.00 del giorno 4 novembre 2021. Le iniziative per cui è richiesto il contributo dovranno altresì essere perfezionate entro il 30 giugno 2022.

I contributi sono riconosciuti per operazioni di rafforzamento patrimoniale dell’impresa, realizzate attraverso un aumento di capitale sociale per un valore compreso tra 100.000 euro e 400.000 euro, mediante conferimento dei soci (33%, calcolato sul valore dell’aumento di capitale sociale fino alla soglia massima di 400 mila euro).

In aggiunta, può essere concesso un contributo per operazioni di rinegoziazione con allungamento o solo allungamento dei finanziamenti in essere alla data del 1° agosto 2021 e con scadenza entro il 31 dicembre 2022.

La durata minima relativa all’allungamento deve essere almeno pari a 5 anni (forfait del 5%, calcolato sul valore delle operazioni di indebitamento oggetto di rinegoziazione con allungamento o solo allungamento).

Le imprese devono aver avviato l’attività entro il 1° febbraio 2020; inoltre, avere un grado di patrimonializzazione (patrimonio netto/totale passivo) risultante dal bilancio di esercizio 2020, inferiore al 30% ed un valore della produzione risultante dal bilancio di esercizio 2020 inferiore o uguale a 15 milioni di euro.

L’impresa deve aver subito un impatto negativo a causa della pandemia nel periodo da marzo 2020 a giugno 2020, risultante da almeno una delle seguenti situazioni:

  • riduzione di almeno il 10% del fatturato e/o dei compensi nel periodo marzo- giugno 2020 rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente;
  • riduzione di almeno il 10% delle prenotazioni/degli ordinativi nel periodo marzo - giugno 2020 rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente;
  • riduzione di almeno il 10% degli incassi da vendite/prestazioni nel periodo marzo - giugno 2020 rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente;

L'agevolazione è determinata come segue:

  • per le operazioni di aumento di capitale sociale, è riconosciuto un “contributo patrimonializzazione” pari al 33%, calcolato sul valore dell’aumento di capitale sociale fino alla soglia massima di aumento pari a euro 400.000;
  • per operazioni di rinegoziazione con allungamento o solo allungamento dei finanziamenti, è riconosciuto un “contributo interessi” determinato in misura forfettaria pari al 5%, calcolato sul valore dei finanziamenti allungati.

A fronte del contributo ricevuto, l’impresa beneficiaria dell’aiuto è tenuta a rispettare alcuni obblighi, tra cui:

  • mantenere la sede legale ed operativa sul territorio della Provincia di Trento;
  • mantenere il livello del patrimonio netto, almeno pari all’importo risultante a seguito dell’aumento del capitale sociale, fatte salve le riduzioni del capitale risultanti da perdite di esercizio;
  • destinare entro 3 anni dalla data di erogazione dell’aiuto, una quota pari ad almeno il 50% del valore dell’aumento del capitale sociale all’incremento dell'attivo immobilizzato e, nello specifico, a investimenti anche immobiliari volti all'innovazione tecnologica dell’impresa e dei suoi processi produttivi;
  • completare le iniziative per cui è richiesto il contributo entro la data del 30 giugno 2022 e consegnare la relativa documentazione entro il 31 agosto 2022.

Per ulteriori informazioni: >> leggi qui

Condividi la pagina