Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Novità

Danni da maltempo: riaperti i termini per le domande di contributo

Per andare incontro a tutti coloro che non hanno potuto presentare la domanda entro i termini originariamente fissati per la concessione dei contributi connessi ai danni provocati dalla calamità dell'ottobre 2018, chiamata tempesta “Vaia”, la Giunta provinciale ha stabilito la riapertura dei medesimi per tutte le tipologie di danno. Le nuove domande possono già essere presentate, fino al termine del 5 agosto 2019.

Danni da maltempo: riaperti i termini per le domande di contributo

Verranno anche accolte le domande presentate in ritardo (al di fuori dei precedenti termini), ma gli interessati dovranno rinnovare l’interesse ad ottenere il contributo con una semplice comunicazione da inviare o presentare alla struttura competente entro i termini previsti.

Per i danni ad immobili di soggetti privati, le percentuali di contributo sulla spesa ammessa per interventi sull'abitazione principale, compresi arredi e attrezzature principali, raggiungono il 90% e per interventi su abitazioni diverse da quella principale il 70%.

Per i danni ad immobili di privati, ad attività economiche ed agricole viene privilegiata la modalità in unica soluzione rispetto alla concessione in rate annuali, che rimangono comunque per risarcimenti sopra determinate soglie, ma per un massimo di 5 anni. Per il settore dell’agricoltura/pesca, sono stati modificati in modo migliorativo i limiti massimi di spesa.

Tutte le informazioni sulle modalità di presentazione, i moduli da compilare, i criteri e le domande frequenti sono disponibili nella pagina dedicata:

https://www.ufficiostampa.provincia.tn.it/Rubriche/Calamita-Trentino-2018 

 

Fonte: Ufficio stampa della Provincia Autonoma di Trento

 

Condividi la pagina