Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Novità

Memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi

In considerazione delle richieste di chiarimento pervenute, si ritiene opportuno rammentare che, a decorrere dal 1° luglio 2019, per le operazioni per le quali non è obbligatoria l’emissione della fattura (se non richiesta dal cliente), effettuate da soggetti con un volume d’affari superiore a 400.000 euro, è obbligatoria la memorizzazione e trasmissione telematica all’Agenzia delle entrate dei corrispettivi.

Memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi

Per tutti gli altri operatori l’obbligo decorrerà dal 1° gennaio 2020.

Le operazioni di memorizzazione e di trasmissione telematica dei corrispettivi devono essere effettuate mediante strumenti tecnologici che garantiscono l’inalterabilità e la sicurezza dei dati.

Tali strumenti sono:

  • il registratore telematico, che, in sintesi, consiste in un registratore di cassa con capacità di connettersi a Internet.
  • la procedura web “documento commerciale online”, presente nel portale “Fatture e Corrispettivi” del sito dell’Agenzia e utilizzabile anche su dispositivi mobili. La procedura è messa a disposizione gratuitamente dall’Agenzia delle entrate.

Si rammenta altresì che, per chi non è riuscito a dotarsi in tempo di un registratore telematico, la legge ha previsto una moratoria di sei mesi, durante la quale tali soggetti potranno adempiere temporaneamente all’obbligo di memorizzazione giornaliera dei corrispettivi mediante i registratori di cassa già in uso ovvero tramite ricevute fiscali.

Tale facoltà è ammessa fino a quando non viene attivato il registratore telematico e comunque fino alla scadenza del semestre di moratoria.

Per gli operatori con volume d’affari superiore a 400.000 euro, la moratoria terminerà il 31 dicembre 2019. Per tutti gli altri operatori, la moratoria sarà in vigore fino al 30 giugno 2020.

 

Condividi la pagina