Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Novità

Regole per gli spostamenti e gli ingressi in Italia

Le misure sul territorio nazionale

Regole per gli spostamenti e gli ingressi in Italia

Il DPCM del 3 dicembre 2020, che ha definito, tra gli altri aspetti, le regole per gli spostamenti da/per l’estero e le relative limitazioni valevoli fino al 15 gennaio 2021, dispone a partire dalla data di domani 10 dicembre, modifiche alle fasce di appartenenza dei singoli Stati esteri (elenchi A, B, C, D, E dell’Allegato 20). In particolare molti degli Stati prima ricompresi nell’elenco B per i quali non erano e non sono previste restrizioni all’ingresso, se non la compilazione di un’autodichiarazione, a partire da domani 10 dicembre verranno inseriti nell’elenco C per il quale è previsto l’obbligo di tampone eseguito nelle 48 ore antecedenti l’ingresso in Italia o in alternativa l’obbligo di isolamento fiduciario. Rimane l’obbligo di comunicare al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio il proprio ingresso, nonché l’obbligo di compilare un’autodichiarazione delle motivazioni di ingresso così come indicato dall’art. 7 del DPCM. 

In caso di mancata presentazione dell’attestazione relativa al test molecolare o antigenico prescritto, si è sottoposti a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria.

A partire dal 10 dicembre sono ricompresi nell'elenco C:

Belgio, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo), Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo), Repubblica Ceca, Romania, Regno Unito (incluse isole del Canale, Isola di Man, Gibilterra e basi britanniche nell’isola di Cipro ed esclusi i territori situati al di fuori del continente europeo per i quali il Regno ha la responsabilità delle relazioni internazionali), Spagna (inclusi territori nel continente africano) Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia), Estonia, Finlandia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira), Slovacchia, Slovenia, Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco.

Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 sono previste ulteriori restrizioni per gli spostamenti sul territorio nazionale (restrizioni ai movimenti tra regioni e comuni, obbligo di isolamento fiduciario anche per chi entra/rientra dai Paesi dell’elenco C).

SOGGIORNI/TRANSITI DAI PAESI DELL’ELENCO C, 21 DICEMBRE - 6 GENNAIO:

  • indipendentemente da nazionalità e residenza, coloro che si recano dall’Italia nei Paesi dell’elenco C o che vi transitano, per uno o più giorni tra il 21 dicembre e il 6 gennaio, per motivi non di necessità (ad esempio, per turismo), e rientrano in Italia tra il 21 e il 6 gennaio o dopo il 6 gennaio, sono sottoposti a isolamento fiduciario;
  • indipendentemente da nazionalità e residenza, coloro che entrano in Italia dai Paesi dell’elenco C, per motivi non di necessità, tra il 21 dicembre e il 6 gennaio o dopo il 6 gennaio (essendo stati in uno o più Paesi dell’elenco C nei 14 giorni precedenti l’ingresso in Italia), sono sottoposti a isolamento fiduciario.

Sono previste eccezioni all’obbligo di sottoporsi all’isolamento fiduciario: i cittadini e i residenti degli Stati e territori di cui agli elenchi A, B, C e D che fanno ingresso in Italia per comprovati motivi di lavoro, se nei 14 giorni precedenti l’ingresso in Italia hanno soggiornato o transitato dai Paesi dell’Elenco C, non sono soggetti all’isolamento fiduciario ma hanno l’obbligo di presentare test molecolare o antigenico eseguito nelle 48 ore antecedenti l’ingresso in Italia. Rimane inoltre l’obbligo di comunicare al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio il proprio ingresso, nonché l’obbligo di compilare un’autodichiarazione delle motivazioni di ingresso così come indicato dall’art. 7 del DPCM.

Evidenziamo che gli elenchi degli Stati e la relativa fascia di appartenenza possono essere modificate con ordinanza del Ministero della salute, di concerto con il Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale. Qualora vi fossero variazioni verranno comunicate tempestivamente.

È disponibile all'indirizzo https://infocovid.viaggiaresicuri.it/ un questionario interattivo per verificare la normativa italiana e gli obblighi in vigore in merito all’ingresso nel nostro Paese a seconda dello stato di provenienza o di transito con l’indicazione di eventuali eccezioni. Invitiamo pertanto gli interessati ad utilizzare tale strumento per avere una risposta dettagliata al proprio caso specifico, segnaliamo che il questionario ha carattere meramente informativo e non ha valore legale.

L’ufficio consulenza normative resta a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti: 0461 923666 (tasto 2).

Condividi la pagina